Artificial reefs

Questo originale articolo analiGorgoniezza i risultati di un’indagine condotta a Barbados in 200 subacquei di diverso livello di esperienza (Open Water 66%, Dive Master 27%, Istruttori  5.5%) relativa alle “barriere artificiali”, valutando il grado di soddisfazione raggiunto in queste immersioni.

I reef artificiali sono strutture create a molteplici scopi: realizzare habitat in cui possa svilupparsi fauna marina, permettere l’allenamento dei subacquei, ma anche preservare habitat marini a rischio come alcune barriere coralline e  creare un mercato competitivo nella subacquea favorendo il turismo in alcune aree. I più graditi sono i relitti di navi o vascelli affondati.

La conclusione tratta dagli Autori è che i subacquei esperti traggono maggior soddisfazione da immersioni in siti naturali per le caratteristiche biologiche, i colori e la complessità, mentre i neofiti sono più attratti da profondità, facilità di accesso e visibilità.

Fai click per scaricare il file PDF

 

 

 

Lascia una risposta